Francesco Salvaterra: breve viaggio nel Verdon

“Una volta, nei primi anni novanta, andavamo in Verdon dalle Dolomiti per fare arrampicata sportiva! Qui c’erano gli spit e da noi no, ora la gente (poca) va in Verdon per fare alpinismo”.

Così esordisce la Guida Alpina Stefan Stufflesser di fronte alla mia domanda: “Come era il Verdon che ha conosciuto vent’anni fa”

Ci troviamo di fronte ad una birra nel bar più famoso della Palud, il bar “De la Place“.

Leggi Tutto

Sulla linea di “Angelo Mio”

Nel momento in cui vedo una possibile via nuova scatta nel mio immaginario una specie di film dove penso a come sarà superare quel tratto di parete dove corre la linea che ho deciso di salire.

Così è stato anche per “Angelo Mio“.

Mi immaginavo di salire su di una sequenza perfetta di appigli ed appoggi, su di una roccia bellissima che raramente è presente in questa zona, al limite delle mie capacità, trovando sempre il posto giusto dove poter posizionare il cliff per piantare lo spit.

Leggi Tutto

La patologia nel giovane climber

Eccoci nuovamente ad un altro appuntamento di fisioterapia verticale. Negli articoli precedenti abbiamo trattato le diverse patologie che colpiscono comunemente i climbers. Se in letteratura scientifica la patologia arrampicatoria è un argomento poco trattato, questa problematica nel giovane è un tema completamente assente.

L’esigenza, però, di creare una conoscenza di base sulla patologia nel giovane è necessaria soprattutto visto il numero sempre maggiore di giovani praticanti l’arrampicata sportiva.

Leggi Tutto

Perfect man 2.0

Dicembre 2014.

Non so cosa mi spinge ancora a cercare nuove linee, nuove sfide.. in fondo ho appena spento 40 candeline… salito tante vie, raggiunto il 9a, chiodato e liberato bei progetti. Potrei anche ritenermi sazio, appagato e felice.

Eppure continuo cercare, ad innamorarmi di questo gioco, a sperare di trovare ancora una volta quel progetto che mi spinga a superarmi, quella linea che forse non riuscirò mai a salire e proprio per il fatto di non essere scontata, o quasi impossibile, mi spinga ad essere migliore, a superarmi ancora una volta, ad essere l’imperfetto che per un istante raggiunge la perfezione almeno su quella linea dei sogni.

Leggi Tutto

Buon Compleanno TeamCT

Il compleanno l’abbiamo festeggiato niente di meno che al #Melloblocco! Un anno è trascorso dalla scorsa edizione del mello 2015, quando i nostri ragazzi del TeamCT si stringevano per la prima volta la mano e si conoscevano tra di loro.

Ci ritroviamo oggi ad ammirare il percorso tracciato insieme lungo questi 365 giorni.

Leggi Tutto

Il Team CT apre le porte a un nuovo atleta: Giulia Venturelli

Intervistiamo la giovane aspirante guida alpina come nuovo membro del team.

Giulia Venturelli è una giovane aspirante Guida Alpina. Nata e cresciuta in provincia di Brescia, sin da piccolissima si avvicina alla montagna grazie alla passione del padre.

E’ una passione che cresce con lei e che diventa talmente grande da prendersi sempre più spazio e sempre più tempo nella sua vita, tanto da trasformarsi in un vero e proprio lavoro.

 

Leggi Tutto

“Apparire o scegliere d’essere”. Valle del Sarca, Gola del Limarò

In una valle del Sarca sempre più satura di itinerari di arrampicata, con vie che si incrociano o si sfiorano la gola del Limarò è una piacevole oasi di isolamento.

Questo canyon si apre di fronte all’abitato di Sarche, benchè si trovi nei pressi di una strada trafficata e l’accesso sia breve si tratta di un luogo dove difficilmente si incontrano altre persone.

Leggi Tutto

Tamara Lunger dopo il Nanga torna a Cisano Bergamasco

Tamara Lunger è venuta a trovarci a Cisano. Sono trascorse alcune settimane dal suo ritorno dall’ultima spedizione invernale, è in fase di recupero fisico e tour de force tra interviste e impegni.

Non vogliamo parlarvi della Tamara grande alpinista perchè è già stato dimostrato dalle sue imprese in alta quota, che sia una ragazza sorridente e solare lo si evince da ogni scatto fotografico e non vogliamo nemmeno fare il resoconto del suo tentativo alla cima perchè è stato scritto tanto; anche se sentirselo raccontare da è completamente diverso.

Leggi Tutto